fatti di notizie

Il Molise esiste eccome e salva Berlusconi dallo strappo di Salvini

by

Il Molise esiste eccome e questo per Silvio Berlusconi è una grande fortuna. Il risultato nella Regione andata al voto domenica, che ha 300 mila abitanti, salva Forza Italia, che si conferma primo partito della coalizione e dimostra che il centrodestra senza la creatura del Cavaliere non può vincere.

E’ forzista il neo presidente della Regione Molise, Donato Toma. “All’inizio della campagna elettorale il centrodestra rispetto al Movimento 5 Stelle era in svantaggio di 15 punti percentuali”, ammette a pochi minuti dalla proclamazione. “Abbiamo registrato che c’era  una protesta in atto e che era una protesta giusta. Il segreto è stato di aver portato, messo sul piatto, le soluzioni giuste, e devo dire che la gente ha capito”, ha aggiunto.

A proposito di piatto, il neo presidente ha potuto avvantaggiarsi di giorni di show dell’ex premier nel Molise, dove si è recato tre volte col suo elicottero. “Dobbiamo fare una ricognizione e capire quali sono e poi andare a vedere perchè la liquidità non arriva alle imprese. Vogliamo anche tenere alta l’attenzione nazionale sul Molise. Su come fare lo dimostreremo nei prossimi giorni. Punto fondamentale dell’azione del governo sarà l’utilizzo delle risorse europee”, ha aggiunto ancora.

Nei giorni scorsi in Molise sono sfilati tutti i big di Forza Italia. Toma è nato a Napoli il 4 dicembre 1957, ma vive da decenni in Molise. E’ stato presidente dell’Ordine dei commercialisti di Campobasso e professore a contratto all’Università degli Studi del Molise nella facoltà di Economia. Ha tre figli, è stato stato assessore dentro una giunta di centrodestra.

Ha chiuso la “partita” per il recupero del Molise, fino ad oggi governato dal centrosinistra, con il 43,7% dei voti, seguito dal candidato del Movimento 5 stelle Andrea Greco al 38,45%. Quest’ultimo era il super favorito. Più distante il candidato di centrosinistra Carlo Veneziale, al 16,7%, mentre il candidato di Casapound Italia Agostino Di Giacomo è allo 0,42%.

Ora tocca al Friuli dimostrare se il “modello centrodestra” può essere ancora vincente. “Consiglio ai secondi arrivati di smetterla di imporre diktat, veti, dire io io io, ma di metterci intorno ad un tavolo a scrivere le riforme che servono.

Centrodestra e Cinque stelle comincino a governare già da questa settimana, senza perdere altro tempo”, commenta Matteo Salvini durante un comizio a Trieste per sostenere la candidatura di Massimiliano Fedriga a presidente della regione Friuli Venezia-Giulia.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Home

Go to Top