fatti di notizie

Celentano prende Renzi per le orecchie: “Prendi la bici e vai da Di Maio”

by

In principio era stato Pif, l’ex Iena diventata regista. Poi altri “intellettuali” vicini al Pd che si sono spesi perché il Pd si arrendesse all’abbraccio mortale coi Cinquestelle. Oggi, però, sul Fatto Quotidiano, è sceso in campo un pezzo da novanta della cultura pop, trasversale alle generazioni, capace di mobilitare milioni di persone.

Ciao Matteo… L’Italia, oggi, per colpa del Pd o tua, è senza un governo mentre il Paese sprofonda. Il 4 marzo, sia tu che il Pd siete stati sbaragliati dalla vittoria schiacciante dei Cinque stelle. Con al secondo posto la sorpresa Salvini all’interno di una coalizione che, solo “grazie” a Berlusconi, l’uomo che da anni danno per spacciato, ha potuto realizzare il più alto numero di voti, anche sopra i Cinque stelle. Per cui cosa si fa?…”. L’autore di questa lettera-accusa è Adriano Celentano. Il Molleggiato, un tempo promotore di battaglie per l’ambiente, contro la caccia, il nucleare e le navi a Venezia, chiede all’ex segretario del Pd, Matteo Renzi, di arrendersi. “Certo sbagliare è umano, ma risbagliare potrebbe essere da DEFICIENTI. So che in politica non si usa perchè per i politici l’unico binario percorribile è quello del risentimento. Ma tu forse sei diverso. Perchè magari sai anche perdere. E d’altra parte non c’e’ altro modo per RIVINCERE”, scrive ancora, sottolineando i concetti con il maiuscolo.

“Ecco  cosa farei se fossi al tuo posto: prenderei la bicicletta e, da SOLO, andrei a trovare il vincitore del 4 marzo: Luigi Di Maio. E in religiosa umiltà gli direi: eccomi pronto al tuo fianco per guarire l’Italia. Una mossa che spiazzerebbe persino il Papa. Non riesco e non voglio neanche pensare quali benefiche ripercussioni potrebbe avere, anche in campo internazionale, una mossa del genere. E…non voglio neanche pensare cosa succederebbe se tu non la facessi…”, conclude la lettera pubblicata sul quotidiano di Marco Travaglio.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Home

Go to Top