fatti di notizie

Mara Carfagna, guarda che curve di ascolto in tv. Lo share della forzista

by

A Viale Mazzini parlano tutti delle “curve” di Mara Carfagna. Quelle a cui si riferiscono, però, non riguardano la silhouette della portavoce dei deputati di Forza Italia, ma le sue partecipazioni televisive.
L’ex ministro per le Pari Opportunità centellina – da sempre – le sue apparizioni sul piccolo schermo e forse anche per questa ragione quando viene intervistata è un booster per lo share delle trasmissioni.

L’ultima “curva” riguarda l’intervista di Serena Bortone ad Agorà. La trasmissione di RaiTre che ha debuttato nel 2010 creata da un’idea di Antonio Di Bella, in onda dalle otto alle dieci del mattino è infatti diventata un must dell’informazione politica in Italia. La settimana scorsa è stato ospite Silvio Berlusconi, che ha poi trasformato la sua partecipazione in una serie di video diffusi sui suoi profili social. Martedì 13 febbraio è stata la volta della  deputata azzurra.

 

 

Mara Carfagna a Cartabianca, dal suo profilo Instagram

 

La giornalista e la sua ospite hanno discusso di lavoro, sicurezza e unioni civili e la “curva” degli ascolti è salita nei venti minuti dal 7 al 9% di share. L’incremento è pari a circa centomila spettatori.

La giornata di ieri, oltretutto, è stata trionfale per la Tv di Stato. Grazie alla miniserie su “Fabrizio De Andrè”, (6.178.000 telespettatori!), “I Soliti Ignoti – Il ritorno” e Porta a Porta viale Mazzini ha superato per tutto il giorno la concorrenza.

Non è la prima volta che l’ex ministro per le Pari Opportunità mette il “turbo” ad un programma tv. Mercoledì 7 Carfagna è stata intervistata da Bianca Berlinguer a Cartabianca. Sarà che il precedente incontro-scontro era finito male, con l’ospite che si è alzata e se n’è andata, fatto sta che anche qui la curva degli ascolti è salita fino a quota 1 milione 367 mila spettatori, share dell’8,7, tre punti sopra Massimo D’Alema giusto per fare un esempio.
Un’altra partecipazione televisiva rintracciabile è quella ad Unomattina, su RaiUno. Il 1 febbraio la deputata forzista (ri-candidata a Napoli) è stata ospite di Franco Di Mare ad Unomattina, il programma mattutino dell’ammiraglia Rai. Nella fascia oraria la trasmissione è stata vista da 929mila spettatori pari al 17,8% di share.

Lo share dei programmi tv è utilizzato da molto tempo anche come metro per verificare l’interesse degli elettori per un politico. Soltanto la scorsa primavera molti commentatori avevano osservato quanto le trasmissioni politiche fossero entrate in crisi da ascolti. Matteo Renzi è un altro acchiappa-share che tiene molto ai suoi risultati. Soltanto qualche mese fa aveva rivendicato un doppio successo: a Mezz’ora in più, trasmissione di Lucia Annunziata su RaiTre, dove lui segretario Pd il 22 ottobre aveva superato di poco il predecessore Pierluigi Bersani del 19 novembre al 7,2 di share e poi ancora a Cartabianca dal momento che Bersani il 17 ottobre totalizzò il 4,3% contro il suo 4,89%. Il record storico dell’ex presidente del consiglio è però ad un DiMartedì, la trasmissione di Giovanni Floris: Luigi Di Maio aveva detto di no all’ultimo secondo e lui è rimasto da solo in studio. Risultato? Due milioni e duecento mila spettatori.  

Di Redazione Spettacoli

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Home

Go to Top