Dark Side, attore e trapper, l’anima malinconica della Dark Polo Gang

by

Arturo Bruni, attore, rapper, anzi trapper. E “baby Diego Armando Maradona”. Al grande pubblico è noto come Dark Side. Se questo nick non ti dice niente o ti fa pensare ai Pink Floyd, sei fuori target. Chiedi a tua figlia. E ti spiegherà cosa è il fenomeno Dark Polo Gang. Un fatto musicale. Ma anche estetico, che condiziona le nuove generazioni in maniera ipnotica. 

Foto Instagram

Spaccano sui social, sono la Rai delle Instagram Stories. Ma soprattutto si impongono sulla scena musicale. Sick Side è il nuovo prodotto targato Dpg, che ha come protagonisti le liriche di Side e le produzioni Sick Luke. E’ uscito il 5 gennaio, è primo nella classifica album di iTunes. Ed è una conferma importante per la crew del centro storico di Roma. Side propone le tematiche classiche della Dpg (e della trap) che ben si identificano con gli eccessi del Pibe de oro,  ma non sono più i testi acerbi degli esordi. Undici tracce, collaborazioni con gli altri componenti della Dark, Tony Effe, Dark Wayne e Prynce. L’artista rivela un tratto malinconico, ci va giù di introspezione. Aria da bad boy con i tatuaggi in faccia. Ma con la scritta “love me”, che tradisce una certa bipolarità. Side sorprende con lo spessore dei suoi concetti. Mentre la restante parte del prezzo dell’album è giustificata dalle basi di Sick Luke, produttore considerato, con il milanese Charlie Charles, tra i più talentuosi della generazione trap. 

Mi vorresti più amorevole, ma io sono cinico e debole

Bruni, oltre alla musica, porta avanti la sua carriera sul grande schermo. Ha recitato in Scialla! e in Tutto quello che vuoi. In questo settore segue le orme familiari: il padre è il regista e sceneggiatore Francesco Bruni. [Jesus Giuliano]

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*