La scimmia della notizia

Virginia Raggi conquista l'assemblea dell'Acer: "Aiutateci a cambiare Roma"

Virginia Raggi conquista l’assemblea dell’Acer: “Aiutateci a cambiare Roma”

by

Ci sono le immagini del degrado – impensabile – riprese da un drone, nel pieno centro storico della città, ma c’è anche tanta speranza e una certezza: “La nostra città non è un Romanzo criminale, anzi“, come ha detto Nicolò Rebecchini. All’assemblea annuale dell’Acer, che si è tenuta questa mattina all’Auditorium Parco della Musica di Roma, hanno dialogato due mondi un tempo lontanissimi, che oggi, forse, hanno cominciato a conoscersi e – magari – a lavorare insieme: la realtà delle imprese di costruzioni e Virginia Raggi, sindaca di Roma, esponente di punta del Movimento 5 stelle.

Il presidente Acer, Nicolò Rebecchini

Ad aprire l’appuntamento è stato proprio il presidente dell’Acer, Nicolò Rebecchini, eletto da pochi mesi, che, in una relazione approfondita, ha offerto la collaborazione della sua associazione per costruire, insieme a tutte le persone e alle realtà di buona volontà presenti nella Capitale, un futuro diverso.

Ma in che direzione guardare al futuro? Considerate la peculiarità istituzionale e la composizione attuale del nostro tessuto economico, Roma non può che continuare a coltivare la sua vocazione di “città dei servizi, ha spiegato.

 

Virginia Raggi all’assemblea Acer

Il termine “servizi”, a suo avviso, va “inteso in senso ampio, e ovviamente dinamico“. Soprattutto il neo presidente ha invitato a non abbandonare mai, anzi a coltivare “la vocazione turistica di questa città, che è indubbiamente una parte della sua storia millenaria”.

Questa vocazione si è approfondita, è diventata anche fenomeno di massa in termini sia di visitatori sia di operatori romani a vario titolo coinvolti. Ma non dobbiamo trascurare i dati che evidenziano che quello attuale è soprattutto un turismo culturale e religioso “mordi e fuggi”, concentrato su tre/quattro poli di interesse.

Bisogna intervenire sull’offerta turistica e attuare un’attenta attività di “marketing territoriale” per intercettare nuovi e meno volatili flussi di turismo, un fenomeno che, a livello globale, sposta milioni di persone e veicola ingentissime risorse economiche“, ha aggiunto.

Nel corso dell’assemblea è stato proiettato questo video emozionale che, realizzato con un drone, dimostra come alcune aree della città, comprese quelle che lambiscono il centro storico, siano fuoricontrollo, occupate. Si vedono baracche, roulotte o, più semplicemente, sporco, disordine.

Sollecitati enti locali e governo centrale a muoversi per stimolare la ripresa economica, “che da i primi segnali, ma è ancora troppo lenta” specie “in un settore, quello delle costruzioni, dove si muove poco“, gli associati dell’Acer hanno ascoltato il discorso della sindaca.

Virginia Raggi ha rivendicato di avere impresso un “cambio di passo” e lanciato una sfida, che aveva il sapore di un appello: “La sfida che la nostra amministrazione ha lanciato a tutte le forze sociali e produttive è disegnare insieme la città di domani. Non quella dei prossimi 5 anni ma quella dei prossimi 20 o 30 anni, quella che lasceremo ai nostri figli“, ha detto nel corso dell’assemblea Acer.

Per troppo tempo una politica vecchia e miope ha ragionato in termini di immediati ritorni elettorali – ha aggiunto – Per anni Roma ha avuto il fiato corto. Noi vogliamo ridarle respiro.

Più metteremo in campo progettualità certe e di lungo periodo più ci saranno margini per immaginare un percorso comune, che abbia degli obiettivi chiari: creare una città smart, resiliente, il cui sviluppo sia sostenibile dal punto di vista ambientale e della mobilita, che riporti le periferie all’interno del tessuto urbano, che doti la Capitale delle necessarie infrastrutture senza aspirare a una vuota grandeur e alle sue cattedrali nel deserto“, ha aggiunto l’esponente del M5s.

L’intervento della sindaca si è concluso con un appello ai costruttori perchè collaborino: “Vi chiedo una mano a fare quello che sapete fare meglio: costruire“.

di Redazione

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Politica

Go to Top