La scimmia della notizia

"Coccobello", è finita male. I dati Coldiretti sugli acquisti in spiaggia

“Coccobello”, è finita male. I dati Coldiretti sugli acquisti in spiaggia

by

Mai più “coccobello”, ora, sulle spiagge, si bevono gli smoothies di frutta. Stanno infatti lentamente cambiando le abitudini alimentari  degli italiani in spiaggia, che diventano sempre più salutisti. E’ quanto emerge dall’indagine commissionata da Coldiretti all’istituto Ixe’ che ha tracciato la lista dei cibi più gettonati dagli ambulanti in spiaggia.

Appena il 10% degli italiani, secondo quanto risulta,  continua a chiedere il cocco agli ambulanti diventati famosi per le loro grida moleste. Fanno migliori affari gli ambulanti con i gelati, richiesti dal 19%, degli italiani, mentre sale l’abitudine di acquistare il cocomero (14%), macedonie o frutta fresca (12%). Spesso la frutta è richiesta sottoforma di frullato ghiacciato, di smoothies.

Più di un italiano su quattro (28%), sottolinea la Coldiretti, non acquista niente anche per diffidenza nel rispetto delle norme sanitarie, ma la maggioranza non resiste e cerca refrigerio nell’alimentazione.

La frutta è la vera protagonista dei consumi in spiaggia con la diversificazione dell’offerta in tutte le diverse forme, dai centrifugati ai frullati, dagli smoothies ai pezzettoni, insieme alla classica fetta d’anguria.

Il risultato è che i consumi di frutta e verdura, secondo Coldiretti, quest’anno sono al massimo da 17 anni con un balzo record vicino al 10% ma purtroppo  i prezzi riconosciuti agli agricoltori italiani sono ben al di sotto dei costi di produzione per le distorsioni nella filiera e le importazioni dall’estero spacciate come produzioni nazionali.

di Redazione

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Politica

Go to Top