La scimmia della notizia

Comunali, M5s in picchiata, ma nemmeno il Pd ride: 16,6% in media

Comunali, M5s in picchiata, ma nemmeno il Pd ride: 16,6% in media

by

Sembra di essere tornati a dieci anni fa, quando il sistema era bipolare e, casomai, c’era qualche lista civica locale a dare fastidio al centrosinistra e al centrodestra. Il primo turno delle elezioni amministrative regala per qualche ora l’idea di un’Italia bipolare, divisa in due e non in tre, dal momento che il Movimento 5 stelle è rimasto  escluso da tutti i ballottaggi delle città più grandi e costretto a fare i conti con una brusca frenata e qualche caso dolente (come a Genova, la città natale del leader, e Parma dove l’ex cinquestelle Federico Pizzarotti va dritto al secondo turno forte, da solo, di oltre il 34% dei consensi).

Al momento, a scrutinio ancora in corso, in una tornata che ha portato alle urne solo il 60,07% degli elettori (il 6% in meno della volta precedente), il Pd in schieramento insieme a liste civiche e forze di sinistra porta a casa 84 ballottaggi, Forza Italia 77 e il M5s appena 8.

Il centrosinistra esce dal primo turno delle Comunali come la prima forza politica del Paese, dunque, e il suo competitore diretto è il centrodestra. Nel riepilogo che considera i risultati di 141 Comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti nelle Regioni a Statuto ordinario, il Pd raccoglie il 16,6% dei voti e i partiti di centrosinistra insieme il 20,2%. Il valore complessivo è del 36,8%, mentre i partiti di sinistra ottengono il 6,9%. Sul fronte del centrodestra, invece, Forza Italia è quotata al 7%, sorpassata dalla Lega Nord al 7,8%, mentre  Fratelli d’Italia al 2,5%. I grillini sono quotati in media sotto al 10%: pochissimo rispetto alla tornata vittoriosa di un anno fa, quando conquistarono Roma e Torino.

La somma delle loro percentuali dà il 34,2%, ovvero 2,6 punti in meno del totale del centrosinistra. Sono 22 i sindaci di centrosinistra eletti al primo turno, 8 quelli di centrodestra, 4 espressi da liste da civiche, 1 di Fratelli d’Italia, 1 della Lega Nord. Nessuno per M5S.

Nei ballottaggi del prossimo 25 giugno i candidati di centrosinistra partono in testa in 45 Comuni, mentre inseguono in 41. Quelli di centrodestra sono risultati primi in 44 Comuni e secondi in 33 Comuni.

di S.L.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Politica

Go to Top