La scimmia della notizia

G7 a Taormina, tutti i selfie sono per la supermoto dei Carabinieri

G7 a Taormina, tutti i selfie sono per la supermoto dei Carabinieri

by

Loro, magari avranno il “mostro”, cioè l’auto blindata che scorta in giro per il mondo il presidente degli Stati Uniti, capace di resistere a missili, ad attacchi chimici e, addirittura, di schermare i cellulari.

Eppure gli uomini della sicurezza del Presidente degli Usa Donald Trump, impegnato in questi giorni al G7 di Taormina, sono rimasti affascinati dalla nuova Ducati 1200 Multistrada dei Carabinieri.

La Multistrada dei Carabinieri

Le “supermoto” dei Carabinieri sono state presentate pochi giorni fa a Roma, hanno esordito proprio in questa occasione, al vertice dei “grandi”. Questa mattina alcuni uomini della sicurezza del Presidente degli Stati Uniti si sono voluti fare una foto accanto alle nuove moto della Casa di Borgo Panigale, che sono venute a rafforzare il servizio di pronto intervento e di controllo del territorio dei nuclei radiomobili delle principali città italiane.

Le moto sono dotate di un allestimento specifico, caratterizzato da una maggiore potenza (160 CV) e da un’elettronica di bordo sofisticata (gestione della frenata, trazione e sospensioni), pur mantenendo la tradizionale linea del segmento touring/enduro-stradale. Le moto di serie sono state integrate con appositi dispositivi sonori e luminosi, equipaggiate di radio e predisposte all’alloggiamento per l’armamento di reparto. “L’Arma potrà contare sul meglio della tecnologia avanzata Made in Italy a due ruote per il segmento dual touring.

I Carabinieri hanno anche una Lotus Evora 400. Molti mezzi sono frutto di sequestri

Con i suoi 160 CV la Multistrada è un veicolo eccezionale come combinazione tra prestazioni, indispensabili per i particolari impieghi a cui l’Arma utilizza questi veicoli, comfort, guidabilità e capacità di carico”, aveva spiegato l’amministratore delegato Ducati Motor Holding Claudio Domenicali presentando nei giorni scorsi i veicoli appositamente realizzati per i militari. Le due ruote della casa italiana più famosa nel mondo vanno a rafforzare il parco mezzi del servizio di pronto intervento e controllo del territorio dei Nuclei Radiomobili delle principali, a partire da Roma e da Milano.

di Redazione

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Galleria

Go to Top