La scimmia della notizia

La nuova missione di Giulio Tremonti: il teorico dei "Sovranisti" d'Italia

La nuova missione di Giulio Tremonti: il teorico dei “Sovranisti” d’Italia

by

«I Trattati di Roma erano perfetti perché sancivano il diritto di sussidiarietà e vi si diceva uniamo il necessario per stare insieme e  lasciamo il resto ai singoli Stati, ma ora no, decidono tutto altrove e non possiamo più farci portar via la nostra roba…». Giulio Tremonti è stato l’ospite più atteso e meno scontato alla manifestazione dei “sovranisti” convocata per questo pomeriggio all’Auditorium Angelicum, in contemporanea con le celebrazioni per l’anniversario del Trattato di Roma.

Fratelli d’Italia ha raccolto intellettuali, commentatori, professori a discutere di cosa ha funzionato a livello continentale e cosa no, ma l’ospite più atteso è certamente lui, ex ministro dell’Economia e ascoltatissimo consigliere di Silvio Berlusconi, che era annunciato nella locandina come “Professore ordinario della Facoltà di Giurisprudenza a Pavia”. «Si apre una fase sovranista, che non vuol dire chiudersi ma difendere quello che hai e valorizzarlo sull’estero», ha spiegato. Col suo linguaggio dotto ma immediato, l’uomo che ha deciso la politica economica italiana per un decennio, amato e odiato, allontanatosi sia dalla “casa madre” azzurra che dalla Lega Nord di Umberto Bossi che l’aveva accolto nelle sue liste, si era avvicinato a Stefano Parisi, col quale aveva condiviso una breve stagione dentro al Partito Socialista Italiano.

 

Giorgia Meloni a L’Aria che Tira, da Instagram

Dopo di lui, hanno parlato Vittorio Sgarbi, Diego Fusaro, Marcello Veneziani e Alfredo Mantovano, ma si sono seduti attorno ad una “tavola rotonda” anche il governatore della Liguria Giovanni Toti, Fabio Rampelli (Fdi), Gaetano Quagliariello (Idea) e un leghista importante come Giancarlo Giorgetti, braccio destro di Matteo Salvini. Il leader della Lega è andato a Lampedusa. Mentre Tremonti e i Fratelli d’Italia parlavano di contro-Europa, fuori, per strada, sfilava un altro pezzo del fronte sovranista, quello di Gianni Alemanno e Francesco Storace, rispettivamente segretario e presidente del Movimento nazionale per la sovranità.

di Redazione

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Politica

Go to Top