La scimmia della notizia

Olimpiadi a Roma, la favola è (ufficialmente) finita. L'ipotesi Milano

Olimpiadi a Roma, la favola è (ufficialmente) finita. L’ipotesi Milano

by

Niente Olimpiadi a Roma, almeno per i prossimi venti anni. Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha cancellato per sempre la candidatura della Capitale d’Italia alle Olimpiadi 2024. Questa mattina ha annunciato la resa incondizionata, dopo lo stop irremovibile del sindaco di Roma Virginia Raggi. L’esponente del Movimento 5 stelle aveva annunciato il suo “no” già in campagna elettorale ed è andata fino in fondo, nonostante le pressioni. Malagò ha comunicato di aver scritto una lettera al Cio per interrompere il percorso della candidatura, formalmente ancora in piedi. Il numero uno del Conic he, fino ad oggi, aveva lavorato fianco a fianco con Luca Cordero di Montezemolo, non ha nascosto la sua amarezza e usato parole severe: “Ho sempre sostenuto che per portare avanti questo progetto servivano tre gambe ma una di queste, secondo me e secondo la stragrande maggoranza degli italiani, per motivi ideologici e demagogici è venuta a mancare. Sono stato dunque costretto mio malgrado ad interrompere questo percorso ad 11 mesi dal traguardo. Un progetto che sarebbe stato difficile da battere”. Se l’idea di Roma città olimpica è tramontata, sembra risorgere la suggestione di Milano, più volte tirata in ballo negli ultimi tempi come possibile sede olimpica “alternativa” in Italia. Il neo sindaco del capoluogo lombardo, Beppe Sala, esponente del Pd, sarebbe favorevole. Malagò ha chiarito di aver inserito la candidatura di Milano per la sessione Cio del 2019: “Ma per fare ragionamenti sui Giochi – ha aggiunto – dobbiamo prima rimarginare le ferite portate dall’ideologia e dalla demagogia”. Se ne riparlerà.

di Claudio Russo

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Politica

Go to Top