La scimmia della notizia

Virginia Raggi e Papa Francesco

Virginia Raggi parte male sulle unioni gay: al via il 22 ottobre, 3 mesi dopo Milano

by

Tre mesi dopo Milano, otto settimane dopo Palermo, Verona e decine di altre città. Sulle unioni civili parte malissimo – nonostante le premesse – la sindaca di Roma, Virginia Raggi. Se il regolamento per le unioni civili – dopo l’approvazione della legge che le prevede fu approvato a metà maggio – è operativo già da inizio agosto, nella Capitale ci sarà da aspettare il 22 ottobre. <Abbiamo finalmente una data, il prossimo 22 ottobre, per la prima unione civile della Capitale, quella tra gli amici Daniele e Christian, a quali auguriamo davvero il meglio per il loro futuro di famiglia, sperando che questo parziale strumento giuridico possa presto essere sostituto dal matrimonio egualitario>, ha fatto sapere ieri il presidente Anddos-Gaynet Roma, Rosario Coco. <Questo tuttavia non basta: Roma arriva a questo appuntamento con un considerevole ritardo  rispetto a comuni come Napoli, Milano, Palermo o Bologna, che hanno già celebrato le prime unioni ad agosto>, aggiunge. Pensare che a Roma il predecessore della sindaca del Movimento 5 stelle, Ignazio Marino, le aveva già celebrate, prima che ci fosse una legge nazionale, dunque non si partiva proprio da zero.

Beppe Grillo ha fatto visita alla sindaca di Roma, Virginia Raggi, nel suo ufficio in Campidoglio
Beppe Grillo ha fatto visita alla sindaca di Roma nel suo ufficio in Campidoglio

<A volte, come nel caso di Margherita, una donna malata terminale a Milano unitasi pochi giorni prima di morire, anche una settimana può fare la differenza. Le unioni civili sono solo un tassello rispetto ad una serie di interventi concreti da realizzare contro le discriminazioni, di cui i comuni e in particolare la Capitale devono farsi carico>, aggiunge il responsabile dell’associazione.  Il neo sindaco di Milano, Beppe Sala, non ci ha pensato molto su: appena ha potuto, ha celebrato le unioni.  Il presidente Anddos-Gaynet torna a sollecitare un incontro con l’esponente del Movimento 5 stelle, che pure si dice da sempre favorevole alle unioni omosessuali. <Si rende sempre più necessario un incontro tra le realtà LGBTI e la sindaca Virginia Raggi, incontro chiesto già due settimane fa da numerose sigle, sul quale si attende ancora risposta>, ha aggiunto. La legge che fu proposta da Monica Cirinnà prevede che gli stessi spazi un tempo destinati ai matrimoni civili (eterosessuali) possano essere utilizzati anche per le unioni gay.

di redazione (foto Instagram)

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Politica

Go to Top