La scimmia della notizia

Burkini

38 euro di multa per un burkini. Ecco le spiagge (francesi) dove è vietato

by

Multe, una dietro l’altra. Si allunga la lista di spiagge francesi che non permettono di indossare il burkini; a Cannes nel fine settimana sono state comminate tre sanzioni da 38 euro, sei sono state richiamate all’ordine. Il “costume” coprente, diventato di moda tra le signore musulmane professanti anche qui in Europa, è però stato messo fuorilegge da alcuni sindaci della Costa Azzurra, anche per dare una risposta “simbolica”, “di pancia” alle uccisioni di Nizza.  Il premier francese Manuel Valls, forse spiazzato dall’iniziativa dei primi cittadini delle località marittime che sono intervenuti attraverso ordinanze,  ha dichiarato il suo sostegno ai sindaci che dicono “no” alla versione balneare del burqa e del niqab. <Capisco i sindaci che, in questo momento di tensione, hanno il riflesso di cercare soluzioni, di evitare problemi con l’ordine pubblico>, ha dichiarato Valls in un intervento pubblicato sul quotidiano regionale La Provence. <Quindi sostengo quanti hanno preso misure restrittive, se sono motivati dalla volontà di incoraggiare la coabitazione, senza retropensieri politici>, ha ancora scritto il premier francese, mentre il presidente, Francois Hollande, era in udienza in Vaticano.

burq2

<Le spiagge, come qualsiasi spazio pubblico, devono essere preservate da rivendicazioni religiose e il burkini è la traduzione di un progetto politico, di contro-società, fondato sull’asservimento della donna>, aggiunge il capo dell’esecutivo parigino. Valls pronuncia anche un ragionamento socio-politico: <Dietro quell’indumento c’è l’idea che, di loro natura, le donne sarebbero impudiche, impure, che dovrebbero quindi totalmente coperte. E questo non è compatibile con i valori della Francia e della Repubblica, per cui, di fronte alle provocazioni, la Repubblica deve difendersi>. Sino ad oggi, sette municipalità hanno messo il divieto al burkini in spiaggia o hanno annunciato che lo faranno: Cannes, de Villeneuve-Loubet e Mandelieu-la-Napoule sulla Costa Azzurra, Leucate nei pressi della frontiera spagnola, Sisco in Corsica, Touquet sulla costa della Normandia e Oye-Plage nel Nord. Tra queste, Mandelieu-la-Napoule è stata la prima cittadina a vietare il burkini già nel 2013, mentre le altre località hanno deciso negli ultimi giorni, sulla scia delle forti tensioni che attraversano la Francia per la costante minaccia terroristica. Il premier francese sostiene che la questione del burkini non non necessiti di un intervento legislativo, dal momento che già la legge vieta di portare il velo integrale: <La regolamentazione generale delle prescrizioni in materia di indumenti può essere una soluzione>. Il burqa in Francia è fuorilegge in pubblico dal 2010, mentre il velo islamico è vietato nelle scuole, ma è permesso negli istituti superiori. La comunità islamica francese è la più grande in Europa, conta cinque milioni di persone.

 

Di C.R., Foto Instagram

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Politica

Go to Top